LA STORIA DI WYATT EARP E DOC HOLLIDAY

 
 
Quando nel 1928 lo scrittore Stuart N. Lake decise di scrivere la leggenda di Wyatt Berry Stapp Earp, Era il 1929 è la gente venne a sapere di una storia tutta americana avvenuta anni prima in una cittadina. Si trattava di Tombstone, un sobborgo ancora in via di sviluppo il cui nome era tutto un programma (Pietra Tombale!). L’aveva così battezzata il suo fondatore, Ed Schieffelin, un cocciuto minatore al quale era stato detto che, in quella terra desolata abitata solo da Apache e coyote, avrebbe trovato solamente la sua “pietra tombale” e non l’argento. Invece Schieffelin trovò veramente l’argento e in meno che non si dica, il sobborgo cominciò a prendere la fisionomia di una ricca città con alberghi, saloon, imprese commerciali. Wyatt Earo si era trasferito li dopo aver fatto lo sceriffo a Dodge City. Durante una sosta nel Territorio Indiano, Wyatt venne raggiunto dal suo amico Doc Holliday, Il suo vero nome era John Henry Holliday, conosciuto in tutto l’ovest col nomignolo di “Doc”, fu una delle figure più emblematiche di tutta la frontiera. Nacque a Griffin (Georgia) il 14 Agosto 1851 da famiglia aristocratica. Suo padre, Henry Burroughs Holliday fu proprietario di piantagioni e durante la guerra civile un maggiore della Confederazione. La madre, Alice Jane McKey, morì precocemente di tisi, una malattia che avrebbe più tardi colpito anche il giovane John. Studiò al Pennsylvania College a Philadelphia specializzandosi in chirurgia dentale. Praticò la professione di odontoiatra aprendo uno studio medico in Atlanta (Georgia) nel 1872.  Ai primi segni della malattia che lo avrebbe accompagnato per tutta la vita, decise però di trasferirsi all’ovest con la speranza che l’aria secca del West avrebbe giovato alla propria salute. La salute non migliorò molto come non migliorarono le sue finanze visto che i suoi attacchi di tosse tenevano lontano dal suo studio dentistico tutti i suoi pazienti. Così Wyatt e Holliday arrivarono a Tombstone il 1° Dicembre 1879. La fama di Wyatt ex sceriffo di Dodge City, era arrivata anche in quella cittadina dell’Arizona e molti non l’aspettavano di certo a braccia aperte. Molti di questi individui: tutti ladri di bestiame, assassini e pistoleri, appartenevano al clan del vecchio “Old Man” Clanton. Coi suoi figli Ike, Phin e Billy Clanton, c’erano personaggi del calibro di Curly Bill Brocius, Johnny Ringo, Tom e Frank Mc Lowery, ecc. ecc.; in altre parole, tutta la feccia dell’Arizona. Insiema a Wyatt e Doc c'era anche i fratelli Virgil e Morgan Earp. La sera del 27 ottobre 1880 Curly Bill Brocius, completamente ubriaco, girava per le strade di Tombstone sparando a case e lampioni. Lo sceriffo Fred White nel tentativo di disarmarlo si prese una pallottola da Curly Bill a distanza così ravvicinata che i suoi vestiti presero addirittura fuoco. Con la morte di White venne nominato nel gennaio 1881 un nuovo marshal nella persona di Ben Sippy. Tombstone, a quel tempo, poteva vantare un certo numero di saloon e tra questi l’Oriental era uno dei più famosi. Verso la fine di gennaio 1881 arrivò da Tucson la notizia che sarebbe stata istituita una nuova contea la cui sede sarebbe stata a Tombstone e che avrebbe preso il nome di contea di Cochise. Johnny Behan venne nominato sceriffo della nuova contea dal governatore Fremont e visto che stava dalla parte dei Clanton, gli fu naturale assegnare a Frank Stilwell, noto rapinatore, la giurisdizione di Charleston e di Bisbee. Molti allevatori e commercianti protestarono perché le loro tasse venivano stabilite e riscosse dagli uomini di Clanton. Costoro naturalmente operavano al di fuori della legalità. L’otto settembre 1881 la diligenza Tombstone-Bisbee venne fermata e svaligiata da due uomini mascherati. I due, anche se col volto coperto, vennero identificati dal conducente in Pete Spence e Frank  Stilwell, aiuto sceriffo di Behan. In paese i fratelli Mc Lowery fecero subito la voce grossa. Temendo in qualche modo di essere coinvolti, minacciarono Morgan Earp di uccidere lui e i suoi fratelli se avessero osato arrestarli. La collera verso gli Earp stava raggiungendo il culmine. Il delicato rapporto tra i cosidetti "Cowboy" e il clan degli Earp stava precipitando a causa del controllo della città, vero motivo dello scontro tra le due fazioni. Il partito dei democratici a cui facevano riferimento i Clanton, era in aperto contrasto col gruppo degli Earp che invece stavano dalla parte dei repubblicani. La legge sembrava spaccata a metà. Behan, sceriffo della contea di Cochise, stava dalla parte dei cowboy. Virgil Earp era invece sceriffo della città e, allo scopo, aveva nominato Doc Holliday e i fratelli suoi vice sceriffi. La sera del 25 ottobre 1881, Ike Clanton si trovava in uno dei saloon in Allen Street e dopo aver bevuto abbondantemente, si lasciò andare alla solita serie di improperi all’indirizzo degli Earp. Con la mente completamente annebbiata disse pubblicamente che, prima del tramonto del giorno dopo, avrebbe steso gli Earp assieme a quel dannato dentista tubercolotico. Sempre più ubriaco, di saloon in saloon, arrivò verso mezzanotte all’Oriental per una partita a poker. Dopo pochi minuti entrò nel locale Doc Holliday e quando vide Ike Clanton lo invitò a metter mano alla pistola, ma Ike rispose che non era armato. “Domani” aggiunse Ike, “domani salderemo i conti”, mentre Doc disse "Se vai in giro a minacciare me e i miei amici, vedi di essere sempre armato!" prima di lasciare il saloon. La mattina del 26 ottobre 1881 Ike Clanton e Tom Mc Lowery, armati di tutto punto, si trovavano all’incrocio tra la quarta strada e Allen Street . Gli Earp vennero avvertiti della loro presenza e qualcun altro disse loro che anche Frank Mc Lowery, Billy Clanton e Billy Claiborne stavano arrivando in città a dar man forte a Tom e Ike. Holliday in quel momento dormiva ancora e Wyatt decise di non coinvolgerlo. Gli Earp, vennero raggiunti da Behan. Virgil gli chiese di venire con loro, in qualità di sceriffo della contea. Behan fece un mezzo sorriso e disse che quello non era un problema dello sceriffo della contea. “E’ roba tua”, disse Behan a Virgil. Il fratello di Wyatt allora si diresse verso l’agenzia della Wells-Fargo e ne uscì con un fucile a canne mozze. Si unì ai fratelli e nel momento in cui gli Earp si incamminarono, vennero raggiunti da Doc Holliday. Wyatt tentò di dissuaderlo, visto che la faccenda era tra loro e i Clanton, ma Holliday non volle sentire ragioni. Tutti e quattro si diressero verso l’O.K. Corral dove nel frattempo si erano spostati i Cowboy. I tre fratelli e Doc Hlliday continuarono ad avanzare sino a che non furono a pochi passi dai cinque cowboy. Virgil ordinò ai Clanton e ai fratelli Mc Lowery di consegnare le armi. Ma Frank Mc Lowery tirò fuori la pistola. Billy Clanton fece lo stesso. Tutti e due spararono su Wyatt, ma lo mancarono. Wyatt rispose al fuoco e centrò Frank nello stomaco. Nello stesso istante Tom Mc Lowery da dietro un cavallo prendeva di mira Morgan Earp e lo colpiva alla spalla sinistra. Benché ferito, Morgan riusciva a colpire Billy Clanton al petto e, appena un attimo dopo, un secondo colpo, questa volta di Virgil, lo prendeva sotto le costole. Ike intanto, completamente terrorizzato non trovò di meglio che infilarsi nello studio fotografico di Camillus Fly dove già si era rifugiato Billy Claiborne. Tom Mc Lowery, intanto, aveva mirato a Wyatt senza accorgersi del fucile a canne mozze di Doc Holliday. Le due canne spararono all’unisono e centrarono al ventre il fuorilegge. Contemporaneamente, un colpo di Wyatt lo raggiunse sotto le costole e Tom cadde morto con la faccia nella polvere. Frank Mc Lowery, più morto che vivo, continuava a sparare, ma Morgan e Doc Holliday lo colpirono di nuovo rispettivamente nella testa e al cuore. Billy Clanton, benché ferito, riuscì a colpire Virgil ad una gamba, ma un attimo dopo Wyatt, con un colpo preciso lo centrò ad un fianco. La sparatoria, la più famosa dell’intera storia del West, era terminata. Tre banditi giacevano nella strada, mentre gli altri due, Ike Clanton e Billy Claiborne se l’erano filata. Le ferite di Virgil e Morgan non destavano preoccupazione mentre Doc e Wyatt ne erano usciti praticamente indenni. Il tutto era durato, neanche una trentina di secondi.
Ma le cose non finiscono qua, i Cowboy cercarono la vendetta e il primo a farne le spese fu Virgil, cinque fucili spararono insieme da un edificio in Allen Street e lo centrarono ad un fianco e al braccio sinistro. Il fratello di Wyatt si portò dietro la menomazione  per tutta la vita, ma questo non gli impedì di continuare la carriera di sceriffo in altre città del west. La sera del 17 marzo 1882, Wyatt e Morgan si trovavano in una sala da biliardo quando alcuni colpi di fucile centrarono la porta del locale. Preso in pieno nella schiena, Morgan morì appena un’ora dopo. Due giorno dopo la bara di Morgan fu sistemata su un treno e spedita in California. L’accompagnavano Wyatt, Virgil, Doc Holliday, Texas Jack Vermillion, Turkey Creek Johnson e Sherman Mc Masters. Virgil proseguì per la California mentre il gruppo guidato da Wyatt scese a Tucson. Presso la stazione Wyatt si accorse di alcune persone sospette tra le quali gli sembrò di riconoscere Frank Stilwell , l’aiutante di Behan. Stilwell era lì per chiudere per sempre i conti con gli Earp. Lo scherzo non gli riuscì dal momento che Wyatt gli scaricò addosso tutto il piombo del fucile a canne mozze di cui disponeva. Il secondo uomo a cadere per la morte di Morgan fu Florentino Cruz, un mezzosangue che si faceva chiamare Indian Charlie. In quanto a Curly Bill Brocius, la sua fine non è certa, anche se Wyatt asserì in seguito di essere stato lui ad ucciderlo. Ike Clanton fu ucciso alcuni anni dopo dal marshal J. Brighton durante una razzia di bestiame. Mentre il cosidetto letale Johnny Ringo. Fu trovato con una pallottola in testa sotto un albero nel Turkey Creek Canyon vicino Tombstone. Sembra che a piantargli la pallottola in testa, sia stato proprio Doc Holliday. Dopo le uccisioni, Wyatt e Doc Holliday lasciarono l’Arizona per il Colorado. Lo sceriffo Behan, venne incriminato il 24 maggio 1882 per tutti i crimini avvenuti nella contea di Cochise col suo patrocinio. Morì a Tucson nel 1912. Doc Holliday dopo aver girovagato in lungo e in largo per il west, andò a morire in un sanatorio di Glenwood Spring nel Colorado. Si spense l’otto novembre 1887. Non aveva ancora 37 anni.
Virgil Earp servì
la legge ancora per molti anni malgrado la menomazione del braccio. Morirà nel Nevada di polmonite nel 1905. Celia Ann Blaylock (Mattie Earp), seconda moglie di Wyatt, morirà nel 1888 per overdose di laudano.
Josephine Sarah Marcus, terza moglie di Wyatt, accompagnerà il marito prima nel Nevada, poi nel Klondike e infine in California. Morirà nel 1944. In quanto a Wyatt Earp, morì la mattina del 13 Gennaio 1929 a casa sua a Los Angeles. “Voglio ripetere una cosa: non ho rimpianti per come mi sono comportato a Tombstone. Se dovesse capitare di nuovo, farei esattamente come allora". Queste sono le testuali parole che Wyatt dettò allo scrittore Stuart N. Lake che avrebbe scritto la sua biografia. Wyatt Earp venne coinvolto in moltissime sparatorie nell'arco della sua vita. Non fù mai colpito da una sola pallottola.


 
 
 

PER VISIONARE TUTTI I LINK CONSIGLIAMO DI ANDARE SULLA HOME PAGE
Gli articoli sono di SPAGHETTI WESTERN STAFF. Tutti i diritti sono riservati
© Copyright 2003-2010

Website counters